Come ottenere benefici da un regime alimentare a base di cibi integrali e vegetali

Oggi l’interesse dell’opinione pubblica verso un regime integrale e a base vegetale come strategia per il raggiungimento del benessere fisico registra un aumento senza precedenti. A un maggiore interesse si accompagna la richiesta di prove scientifiche, una corretta alimentazione non soltanto permette di recuperare e preservare un buono stato di salute, ma riduce i costi sanitari, previene il degrado ambientale, limita la violenza non necessaria, e corregge le sperequazioni economiche della produzione di cibo. Nella scelta di cibi sani, che cosa significa ” ridurre al minimo” gli alimenti di origine animale o i prodotti industriali a base vegetale? E’ davvero tanto grave concedersi un assaggio di formaggio o di pollo , o di un dolce, o di qualsiasi altro cibo preferito di tanto in tanto? E’ proprio necessario escluderli del tutto? Se avessimo seguito una dieta ideale fin dalla nascita, con ogni probabilità il nostro regime alimentare ammetterebbe piccolissime quantità di pesce, carni magre o uova usate per insaporire le pietanze, e qualche raro pasto a base di carne nelle occasioni speciali. Per contro, questo tipo di alimentazione avrebbe previsto da sempre quantità minime o nulle di olii, zuccheri e farine raffinate, affidandosi in prevalenza a un’ ampia varietà di piante intere, per un apporto calorico complessivo molto contenuto e accompagnato da un’ intensa attività fisica.

 

Consigli utili: leggere le etichette, quando fate la spesa bisogna guardare le etichette nutrizionali dei prodotti, possono sembrare complicità e confonderci le idee. Osservate l’elenco degli ingredienti. Per convenzione, il primo ingrediente è quello con la percentuale prevalente in rapporto al peso. Se il prodotto contiene 100 gr di farina e 50 gr di zucchero, la farina sarà citata al primo posto, seguita dallo zucchero, in quasi tutti i prodotti industriali, le ultime voci dell’elenco riportano gli ingredienti presenti in quantità molto piccole rispetto a quelli principali. Se l’alimento contiene farina accertatevi che si tratti di farina integrale 100%, se volete concedervi una colazione al bar, scegliete brioche integrali vuote a al miele, no confetture no creme. Per il pranzo, optate per un panino con farcitura vegetariana, senza formaggio, al posto di prosciutto e formaggio compensate con verdure senza utilizzo di maionese!!! meglio senape con aceto e origano. Se preferite il fast food, se proprio non potete evitarlo, ordinate un hamburger vegetariano, senza maionese con lattuga e pomodori extra. In pizzeria e ristorante potete scegliere una pizza marinara o altre senza mozzarella con verdure e pomodorini. Al cinese, molti ristoranti offrono piatti dietetici, comprese verdure al vapore e condimenti a parte. Sono alimenti sani e buonissimi. La cucina etiope, propone gustosissimi piatti a base di verdure e fagioli. L’ indiano come la cucina tailandese, comprende pietanze vegetariane, spesso condite con grassi aggiunti sotto forma di olio o di ghi (burro chiarificato).

Sapendo che molti di voi indaffarati quanto me, ho preparato un menù con alternative pratiche nella scelta dei cibi cercando di concentrare le ricette più elaborate nei fine settimana, quando si ha più tempo. Il piano dura due settimane e pone l’accento sulla comodità, la semplicità e la verdura. Chi fosse interessato all’esperimento e a ricevere il programma in forma gratuita inviando una mail……. riceverete sia le ricette e la lista della spesa….

Cristal Estetica

Via Giovanni Pier Luigi da Palestrina 4, Milano

Fb@cristalesteticamilano

Tel. 0291661037

Mail: info.cristalestetica@gmail.com